8X1000 Carità - Diocesi di Novara

ASSEGNAZIONE FONDI ANNO 2018
Schermata 2018-12-14 alle 11.27.56

La Carità in numeri

Qui puoi trovare tutti i dati dei progetti sostenuti

1.023.812,44 €

I SOLDI EROGATI SUL TERRITORIO DIOCESANO

I fondi dell’8x1000 che ogni anno la Cei distribuisce ad ogni diocesi italiana per interventi caritativi sono risorse importanti che devono farci entrare sempre di più nella logica della CONDIVISIONE, della CRESCITA e della CORRESPONSABILITÀ.

La CONDIVISIONE nasce nel far diventare le risorse opportunità e motivo di incontro per analizzare i bisogni, costruire reti, progettare insieme e animare le comunità sulle fragilità e sulle vulnerabilità che non solo sono intorno a noi, ma che sempre di più ci appartengono. Condividere è entrare nella storia di tanti nostri fratelli e sorelle poveri e accompagnarli perché non percepiscano la solitudine e l’abbandono da parte di nessuno di noi. E’ quando condivido quello che ho che percepisco che non divento più povero, ma arricchisco me stesso e l’altro di sguardi, di emozioni, di affetti e di relazioni vere e autentiche.

La CRESCITA di una persona sta nel darle speranza, fiducia e dignità. I poveri incrociano il nostro sguardo e ritrovano la forza di credere che un futuro può esserci nella loro vita; la vera crescita, per loro, sta nella forza di svegliarsi al mattino con energie nuove per credere che varrà la pena vivere una nuova giornata. Non basta più aiutare e assistere: i poveri sono come i nostri figli, che vanno educati fatti crescere e, come dice Gibran, vanno “lanciati come frecce sul sentiero dell’infinito”; non vanno, come direbbe papa Francesco, “pettinati e accarezzati come quell’unica pecorella, mentre le altre 99 sono abbandonate e dimenticate”. Ecco la “Caritas in uscita”, che non si chiude in se stessa ma cresce nella consapevolezza che lo sguardo sui poveri non si ferma all’interno del proprio Centro di Ascolto.

La CORRESPONSABILITÀ è partecipazione intorno ad un progetto, è il non delegare, è il sentirsi protagonisti perché “siamo tutti fratelli, figli di uno stesso Padre”. Quando la comunità è animata e coinvolta, si rende protagonista e si fa carico delle sofferenze e dei bisogni degli altri. Oggi non solo facciamo fatica a “mettere le mani in tasca” per i poveri, ma i poveri sono sempre più ignorati perché ci danno fastidio: non incrociano il nostro sguardo, le nostre attenzioni, le nostre preoccupazioni. Corresponsabilità è credere che non siamo isole, ma pensati e amati all’interno di un progetto comune molto più grande di noi.

Ecco perché questi fondi vengono condivisi: non solo per aiutare e assistere le persone, ma per farle crescere e per ridare loro dignità. Tutti possiamo, conoscendo e apprezzando i progetti della nostra Caritas Diocesana, delle “Opere Segno”, delle Unità Pastorali o delle parrocchie con le loro Caritas Parrocchiali, incrementare queste risorse attraverso la nostra corresponsabilità: il “Fondo Rete Caritas” nelle due Fondazioni Comunitarie del Novarese e del VCO ci aiuteranno ad un coinvolgimento e ad un’animazione del territorio diocesano in cui viviamo per sentirci attori e protagonisti di una carità sempre più creativa ed efficace.

 

don Giorgio Borroni
(Direttore Caritas Diocesana)